Tu sei qui

Schema di Riferimento per l'Attività dell'Osservatorio Nazionale

L'attività dell'Osservatorio Nazionale potrà svilupparsi secondo lo schema seguente, anche con riferimento a dati ed informazioni trasmessi dagli Osservatori Provinciali.

A) Gestione aspetti contrattuali attraverso specifiche ricerche relative a:

  • raccolta e registrazione di tutti gli accordi integrativi aziendali e territoriali;
  • analisi dei contenuti degli accordi tra loro e con il CCNL;
  • elaborazione e statistiche dei punti precedenti;
  • elaborazione dei dati forniti dagli Osservatori Provinciali sulla realizzazione e l'utilizzo del CFL, dell'apprendistato e dei contratti d'inserimento.

B) Analisi delle materie oggetto del diritto di informazione, anche attraverso apposite ricerche relative a:

  • 1. andamento occupazionale:
    • esame dello stato c delle previsioni occupazionali del settore, eventualmente articolato per subalterni;
    • coordinamento delle indagini e delle rilevazioni;
    • elaborazione delle stime e delle proiezioni sull'occupazione nazionale del settore;
    • programmazione e realizzazione di relazioni in merito alla preparazione di incontri, su incarico delle parti.
  • 2. andamento economico e tecnologico:
    • esame dello stato e delle previsioni economiche e produttive relative alle prospettive di sviluppo del settore;
    • coordinamento delle indagini e delle rilevazioni;
    • esame dell'andamento statistico e strutturale dei subsettori.
  • 3. ambito legislativo:
    • elaborazione della raccolta delle leggi e dei decreti che regolano tutti i settori del commercio;
    • elaborazione e raccolta dei disegni di legge e delle proposte di legge, delle raccomandazioni e direttive CEE in materia di lavoro anche al fine di assumere iniziative unitarie.
  • 4. formazione professionale:
    • raccolta delle proposte degli Enti Bilaterali Territoriali e degli Osservatori Territoriali ed elabora- zione di progetti professionali di riqualificazione ed aggiornamento continuo;
    • predisposizione di progetti pilota di formazione professionale da realizzarsi a livello territoriale;
    • predisposizione di progetti formativi per singole figure professionali relative a:
      • CFL;
      • nuove professionalità;
      • riconversione professionale;
      • introduzione nuove tecnologie;
      • apprendistato.